Il funzionamento della tecnologia sottovuoto

Il funzionamento della tecnologia sottovuoto

In questo articolo vogliamo offrirvi alcuni suggerimenti utili per aiutarvi nell’acquisto di un macchinario sottovuoto.

Tra le tecniche moderne di conservazione alimentare, la conservazione mediante tecnica sottovuoto è certamente quella che garantisce una conservazione più duratura degli alimenti.
Essa inoltre assicura un considerevole risparmio in termini sia di tempo che di denaro.

Funzionamento della conservazione sottovuoto

Il sistema alla base della conservazione sottovuoto è assai semplice: un alimento o una materia organica a contatto con l’aria tende naturalmente a decomporsi sotto l’azione delle colonie batteriche.
Il sottovuoto agisce in maniera contraria: non fa altro che limitare il contatto tra l’ossigeno e l’alimento, che così resterà commestibile molto più a lungo. Per “allungare la vita“ ai nostri alimenti potremo addirittura, una volta conservati sottovuoto, riporli nel freezer, ottenendo così un effetto ancor più duraturo.

Quale tipologia di macchine per il sottovuoto scegliere?

La tipologia ideale è sempre legata alle nostre esigenze e al tipo di utilizzo che faremo del nostro macchinario: nel contesto domestico sarà sufficiente un macchinario con una capacità d’aspirazione limitata. Se invece siamo proprietari di un’impresa operante in campo alimentare dovremo dotarci di un macchinario molto più capiente e con una maggiore capacità di aspirazione.

Tecnologia del sottovuoto: tipologie a confronto

Esistono due diverse tipologie di macchine per la conservazione sottovuoto.

  1. Le prime, dette anche macchine “ad aspirazione esterna“, sono concepite per l’utilizzo nei contesti domestici. Sono ideali per preservare a lungo un condimento, una conserva, o i salumi.
    Come funzionano?Con le macchine ad aspirazione esterna viene aspirata solo l’aria contenuta nel sacchetto. Vengono adottati contenitori più spessi, in modo che l’aria esca dal sacchetto mentre la pompa è in funzionamento.
  2. La seconda tipologia è quella rappresentata dalle macchine dette “a campana“ senz’altro più adatte per le applicazioni nei contesti della grande ristorazione.
    Questa tipologia adotta sacchetti lisci, poichè nel processo di creazione del vuoto è tutta l’atmosfera, dentro e fuori il sacchetto, ad essere eliminata.
    Queste macchine vantano una capacità d’aspirazione di gran lunga superiore rispetto alla prima tipologia: esse vantano una potenza di aspirazione fino ad un valore di – 800/-900 mbars. Queste macchine sono inoltre all’avanguardia in termini di sicurezza.

Macchine per il sottovuoto: consigli per gli acquisti

Per una conservazione in campo domestico vi consigliamo l’acquisto di un modello semplice, facili da pulire e con funzionamento automatico.
Sono molto semplici da utilizzare: mettete il vostro alimento pronto da consumare nel sacchetto, posizionatelo e mettete in funzione il macchinario.
Grazie all’azione del macchinario il sacchetto verrà svuotato dall’aria e sarà saldato quando il livello di “vuoto“ sarà a regime.